Teatro Ristori via ristori 7
11/03/20
Via Francia, 3 - 3713 Verona (VR)
Teatro Romano Verona, Regaste Redentore, 2
22/05/20
via Meucci 8A - 37036 San Martino Buon Albergo (VR)
La Voglia - Bim, bum, bam Via Lungadige Porta Vittoria, 27
27/02/20
via Luigi Rossi - 37132 Verona (VR)
Piazza delle erbe
21/03/20
via Unità d'Italia 94 - 37132 Verona (VR)
Teatro Ristori, Via Ristori, 7
04/03/20
via San Matteo 46 - Soave (VR)
Campus Pub via XX Settembre, 18
29/02/20
via Trezzolano, 17 - 37033 Trezzolano Roverè Veronese (VR)
Arsenale di Verona
14/03/20
via crocette di sopra, 1 - Arcole (VR)
Teatro Ristori via ristori 7
04/03/20
via Pace Paquara 24 - 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)
piazza Risorgimento 17/C S. Massimo Verona - 37100 (VR)
via Via Ca' dei Maghi, 7 - 37022 Fumane (VR)

La musica e le arti - il secondo Novecento

Teatro Ristori via ristori 7 - 11/03/20

Caricamento mappa... (richiede javascript)

LA MUSICA E LE ARTI

IL SECONDO NOVECENTO

con

Paolo Bolpagni

Ensemble del Conservatorio E. F. Dall’Abaco di Verona


Il retaggio romantico dell’“unità delle arti”, passato attraverso la stagione delle avanguardie storiche, riemerge tra gli anni Cinquanta e i Settanta del Novecento, quando esplode il fenomeno dell’“intermedialità” e si afferma una nuova accezione di “opera totale”. In ambito musicale la partitura si caratterizza fortemente per la sua componente visiva, arrivando talvolta ad assomigliare a un disegno o a un dipinto. Nascono anche nuovi segni ideografici, cifrati e diagrammi, che servono a determinare i suoni nei loro parametri, oppure l’operazione da compiere per produrli. Siamo ormai a un passo dalla Augenmusik (“musica per gli occhi”). Nel campo delle arte visive, invece, la tendenza a oltrepassare il proprio campo si traduce nella conquista dell’incorporeità: si parla di Color Music, di Sound Art, di “ambienti sonori” e di “installazioni temporali”, fino ai video di Bill Viola e agli spazi iridescenti di James Turrell: un colore “diffuso” e impalpabile si combina con elementi uditivi, aprendo la via contemporanea all’opera d’arte totale sognata nell’Ottocento.

In collaborazione con il Conservatorio E. F. Dall’Abaco di Verona

Paolo Bolpagni è uno storico delle arti e docente universitario. Dopo aver diretto la Collezione Paolo VI – arte contemporanea, dal 2016 è direttore della Fondazione Ragghianti di Lucca. Come studioso, ha coltivato in particolare il tema del rapporto tra pittura e musica nel XIX e XX secolo. Oltre ad avere un’ampia produzione scientifica, si occupa di divulgazione in ambito sia artistico sia musicale, partecipando a trasmissioni televisive e ideando e conducendo conferenze-concerto e spettacoli. Nel 2011 ha creato il canale You Tube “Regola d’arte”, realizzando venticinque video in cui ha raccontato l’arte, i suoi protagonisti, i movimenti e le tendenze in “puntate” della durata di pochi minuti (a tutt’oggi il canale ha totalizzato oltre 400.000 visualizzazioni). Ha vinto nel 2013 il Premio Sulmona per la storia dell’arte. Dal 2018 è Accademico d’Onore dell’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze, la più antica del mondo.

La musica e le arti
Un ciclo di incontri a cura di Paolo Bolpagni incentrati su temi o personaggi della storia della cultura, secondo una prospettiva multidisciplinare e trasversale, che unisca musica, letteratura e arti visive.


Fonte : https://www.facebook.com/events/1036711780003221/